Letteratura giapponese: “mani di donna”